Luoghi d'interesse 

 

Se stai andando in Turchia per la prima volta, le mete d’obbligo sono Istanbul,  la vecchia capitale dell'Impero ottomano Bursa, la capitale della Turchia Ankara,  

la capitale dell'antica civiltà Bogazkale (Hattusa) , la capitale di Re Mida dove Alessandro Magno tagliò il famoso nodo Gordion, il paesaggio da fiaba e dei mongolfieri della Cappadocia con le sue  città sotterranee di Kaymaklı e Derinkuyu, la città dei dervishi danzanti Konya e con le sue famose cascate bianche e piscina di Cleopatra di Pamukkale.  

 

La chiesa di Carikli (Göreme / Cappadocia)

 

 

 

Per gli amanti del mare ... 

Approdi spettacolari, tesori archeologici e spiagge da sogno si trovano lungo la costa egea (la città di Troia, Pergamo, Izmir (Smirne), Efeso, Mileto, Didima, Priene, Bodrum e dintorni, Marmaris e dintorni, Fethiye e dintorni) e mediterranea (Dalyan, Myra, Kekova, Antalya e dintorni, Side, Perge, Aspendos e Alanya).

 

L'itinerario per l'avventura ...

Splendida Le Regioni del Mar Nero, dell’Anatolia Orientale e Sud-Orientale dove il complesso monumentale di Nemrut Dağı vale da solo il viaggio. Estremamente interessanti anche le località di Antakya, Urfa e Harran, Diyarbakır, Mardin, Van, Dogubeyazıt e il Monte Ararat, Samsun, Trabzon, Artvin e Safranbolu.

Ovunque gli amanti dello shopping non avranno che l’imbarazzo della scelta vista la ricchezza e la varietà dell’artigianato turco.

Viaggi religiosi ...

La Bibbia e la storia del cristianesimo hanno molti punti di riferimento in Turchia e parecchi centri di questo Paese sono famosi per essere connessi con la tradizione biblica e la fede cristiana.

Si comincia dai Buyuk Agri Dagi detto Monte Ararat, il vulcano spento di 5.165 metri di altezza, situato all'estremo est dell'Anatolia dove secondo la tradizione si incagliò l'Arca di Noè. Ad Harran, un villaggio con abitazioni-trullo quasi al confine siriano, visse il profeta Abramo.

In altri luoghi invece si trovano le tracce dei santi della cristianità. Per cominciare; a Tarsus (Tarso), luogo natale di San Paolo, c’è ancora un pozzo che si dice fosse quello dell'abitazione dell'Apostolo. San Paolo pronunciò il suo primo sermone nella sinagoga che si trova sotto la Basilica di Yalvaç, nell'Anatolia centrale. Da Antakya (Antiochia) San Paolo iniziò il suo lungo viaggio missionario. Sempre ad Antakya, poi, esiste ancora la grotta nella quale si dice che ai credenti in Gesù Cristo venne dato il nome di cristiani. A Iznik (Nicea) e precisamente nell'odierno Museo di Aya Sofia, nel 325 d,C. venne indetto il primo Concilio Ecumenico.

Efeso, oltre a essere un importante centro archeologico, è anche, dopo Gerusalemme, il secondo luogo di pellegrinaggio per i cristiani. Per molte ragioni: la Vergine Maria visse a Bülbül Dağı, poco distante da qui. E anche San Giovanni visse qui e fu sepolto nella basilica locale.

I due monasteri cristiani famosi in Turchia:

Il primo è in una valle di montagna che sale verso il Passo di Zigana, lungo la carovaniera per Erzurum. Il nome della localita è Maçka (non lontano da Trabzon} e il monastero greco-ortodosso è quello della Vergine Nera di Sümela, spettacolare edificio del XIV secolo, alto sette piani e incastonato in: una ripida parete di roccia raggiungibile solo a piedi in una quarantina di minuti. Il secondo monastero e quello più accessibile, di Deyrul Zaferan, a Mardin, vicino a confine siriano: tutt’ora attivo, fu sede di uno dei primi movimenti cristiani, quello dei siriaci-giacobini.

 

Infine, una nota quasi di folclore: una piccola e deliziose località della Licia (costa sud della Turchia), Demre, l'antica Myra, e il luogo in cui San Nicola (protettore dei bambini, altrimenti noto come Santa Claus, cioè Babbo Natale) prestò la sua opera di vescovo. La cittadina, famosa anche per essere un importante sito archelogico licio, ospita ancora la chiesa di San Nicola. Qui si trova i Museo di Babbo Natale e il 6 dicembre, San Nicola, i fedeli del santo si radunano in preghiera.

 

Clicca qui per gli itinerari suggeriti >>>

 

   
 

 

 

 

 

© Copyrights Turchiaonline.net - Tutti i Diritti Riservati.

P.IVA: 08421000 - C.F.: KNKBHM65T11Z243T